due più due (più due)

Vi lascio due canzoni, oggi.
Ho visto nina volare, ma nell’interpretazione di Zucchero. Una grande interpretazione.
Qualcosa di più recente, Come le onde sul mare di Gianmaria Testa. Belle le parole, fantastica la chitarra.

E qualche frammento teatrale
Vladimiro. Una cosa è certa però, il tempo è lungo in queste condizioni, e ci spinge a popolarlo di movimenti che, come dire, che possono a prima vista sembrare ragionevoli, ma ai quali noi siamo abituati. Tu mi dirai che è per impedire alla nostra ragione di colare a picco. D’accordo. Ma non sta già forse vagabondando nella notte assoluta dei grandi abissi, è questo che mi chiedo talvolta. Mi segui?
Estragone. Si nasce tutti pazzi, alcuni lo restano.
Pozzo. Aiuto, vi darò del denaro.
Estragone. Quanto?
Pozzo. Centro franchi.
da Aspettando Godot, Samuel Beckett, Einaudi.

E poi.
(piccola spiegazione. Chi parla, è un uomo che parla all’amante. Parlano del marito di lei, Robert. Che pensavano fosse becco e fesso e invece no, si dava da fare pure lui. E sono sorpresi, Jerry ed Emma. Più Emma di Jerry…).
Jerry. … per esempio quando sei con un amico al pub, o al ristorante, per esempio, succede che quello sparisce per andare a fare pipì, mi spiego? a chi non succede, ma quel che voglio dire è che se sparisce per fare una telefonata di nascosto, quasi lo intuisci, quasi ti sembra di sentir cadere il gettone. Beh, con Robert questo non è mai successo. Non ha mai fatto telefonate clandestine da un pub quando era con me, la cosa buffa è che ero io che sparivo per telefonare, a te
Tradimenti di Harold Pinter, Einaudi.
(Piccola considerazione, mia. Nei dialoghi, i commediografi sono, solitamente, molto più “credibili” dei romanznieri).

E due saluti, ancora: a Mariastrofa.
Di Lucio Angelini (moltiplicatore di altri saluti).
E Silvia.

E buon lunedì, si spera.

E continuo a ricevere, a mi fa piacere riceverle, altre testimonianze per Carlo (Maria Strofa).
Matisse per esempio.
E da Evasioni.

Autore: remo

Scrivo, ma in vita mia ho fatto di tutto: cameriere, operaio, portiere di notte. Sono stato anche disoccupato. Mi mi sono laureato lavorando. Poi ho fatto il giornalista e scrivo anche libri

11 pensieri riguardo “due più due (più due)”

  1. Grazie mille! Vedi il caso, “ho visto nina volare” è la mia canzone preferita, la versione di zucchero non la conoscevo.
    Serena notte :)

  2. “”Piccola considerazione, mia. Nei dialoghi, i commediografi sono, solitamente, molto più “credibili” dei romanzieri”.

    Grande considerazione:
    i romanzieri spesso son dei concettosi che riproducono pensieri, elucubrazioni, a volte solo narcise,
    e non sanno ascoltare, non vedono, visualizzano i gesti l’espressioni del viso, i condimenti del dialogo: cioè non ci hanno il senso della scena.

  3. non so, a me dispiace che mariastrofa non ci sia più, e molto. ma non mi piaceva troppo, devo dire.
    solo che sono in imbarazzo, nel dirlo.

  4. caro cinas,
    ricordo una sera. mi scrive una blogger, mi dice, vai a vedere sul blog di mariastrofa, mi ha trattato a pesci in faccia.
    era vero.
    quella blogger non meritava quello scatto d’ira.
    però è successo anche a me di offendere, inavvertitamente, qualcuno.
    carlo berselli era come tutti noi, buono e meno buono.
    a me, però (succede spesso, nella vita reale) hanno colpito diverse testimonianze su un’umanità che non esibiva.
    preferiva dissacrare, a volte mandare tutti a quel paese.
    come quando chiuse il blog.
    però adesso cerco di ritrovare i messaggi che mi scrisse, su splinder.
    e mi spiace aver interrotto un breve rapporto epistolare con lui.
    quando scriveva in privato, e questo lo sanno bene tutte le prsone che l’hanno conosciuto a fondo e stimato, era comunque un’altra persona.
    per quel po’ che l’ho conosciuto, credo che un’opera di beatificazione non piacerebbe nemmeno a lui.
    grazie cinas

  5. gea,
    una volta chiesero a gino paoli il titolo di una canzone che avrebbe voluto che fosse sua ma che invece era di un altro.
    non gli piacque, quella domanda a paoli. le più belle canzoni – chiaro – le aveva scritte lui. fece una smorfia, come a dire che domanda del cavolo mi hai fatto, ma poi si illuminò e disse (credo facendo una certa fatica) La donna cannone.
    (sono feroci tra loro i cantautori, forse come certio scrittori, blogger, idraulici, preti, mangiatori di fuoco…)
    ciao gea

  6. spero di essere uguale sul blog e in privato… se non è così, mi piacerebbe saperlo.

    anche se con questo commento ho colto la cosa meno importante di tutto il topic.

    pensavo proprio questo… cosa ci colpisce e ci induce a commentare quando entriamo in un blog. e la risposta è una sola.

    noi stessi.
    ecco perchè alcuni commentano moltissimo da me, ed altri no. e perchè in alcuni blog mi trovo bene in altri meno.

    è una questione di specchi.

    ossiùrrrrrrrrrrrrrrrr
    totalmente fuori topic!

  7. Maria Strofa è il terzo morto da quando frequento la rete, il primo è stato su it.arti.scrivere, si chiamava diskrepanza diceva sempre che si voleva ammazzare e non lo faceva mai, un giorno però lo fece davvero, mi impressionò che dopo la sua morte noi si continuava ancora a scrivere. è come nella vita, tu muori e il sole il giorno dopo sorge lo stesso, anche senza di te. ho visto nina volare, è una meraviglia, in genere zucchero è uno che plagia però lo sa fare bene, un grande bluesman. buona settimana. a.

  8. ci sono note meravigliose qui, oggi…
    Remo riguardo Gino Paoli mi viene da piangere se mi capita di sentire “La Gatta”.
    babbo me la cantava sempre quando eravamo soli, nella mitica renault 4. avrò avuto solo 2 o 3 anni.
    ricordo che sorrideva anche mentre me la cantava.
    ogni volta sono lacrime tenerissime, gonfie di gioia e di amore.
    poi abbozzo un sorriso anche io.

    http://it.youtube.com/watch?v=lnTqu_-c_G4

    eccola. la versione originale del 1960: lui aveva 20 anni, il mio babbino.

    Paola Cingolani
    rossa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...