Il libro più bello, letto nel 2009

segue, dal post precedente

Anna Maria Curci
segnala:
La porta di Magda Szabó.
Morena Fanti segnala:
Revolutionary road, di Richard Yates
Annarita segnala:
Easter parade
, Richard Yates, Minimum Fax, euro 11,50
Kafka sulla spiaggia, Haruki Murakami, Einuadi, euro 20
Sotto i venti di Nettuno, Fred Vargas, Einuadi, euro 12,50
Vera, Elizabeth von Arnim, Bollati Boringhieri, euro 17
Il colore della magia, Terry Pratchett, TEA, euro 7,50
Sempre Annarita, letture per ragazzi:
Il cimitero senza lapidi e altre storie, Neil Gaiman, Mondadori, euro 9
Un ponte per terabithia, Katherine Paterson, Mondadori, euro 8,80
Il prodigioso Maurice e i suoi geniali roditori, Terry Pratchett, Mondadori, euro 14,80
Silvia (Sgnapis) segnala:
Montedidio, di Erri De Luca
E.l.e.n.a (Caterpillar) segnala:
Molto forte, incredibilmente vicino, di Jonathan Safran Foer, tascabile Guanda 10 euro.
Emanuela Bonaga segnala:
Eureka street,  di Wilson R. McLiam, Fazi, Le strade, euro 15,99 (ma c’è anche in tascabile a 8,50)
Renato segnala:
L’uomo che cade, di Don DeLillo, Einaudi 17,50
Undici solitudini, Richards Yates, Minimum fax, 10 euro.
Lidia Assirelli segnala:
L’eleganza del riccio, di Barbery Muriel, E/O.
Sabrina Manfredi segnala:
Mentre dorme il pescecane, di Milena Agus, Ed.Nottetempo.
Guido Michelone segnala:
Vertigine della lista di Eco Umberto, Bompiani, pagine 408, euro 39.
Bruna Durante segnala:
Stirpe, di Marcello Fois.
Rodolfo Marotta segnala:
Pastorale americana, di Philip Roth, Super ET Einaudi, euro 13,50.
Carloesse segnala:
Gli Scomparsi, di Daniel Mendelsohn, NeriPozza, 20 euro.
Rossana Massa segnala:
I giorni felici,
Teresa Ciabatti, Mondadori.
Aitan segnala:
Il lato freddo del cuscino, Belén Gopegu, Neri Pozza, euro 15,00.
Renato Bergonzi segnala:
L’uomo che cade, Don DeLillo, Einaudi, euro 17,50
Undici solitudini, Richards Yates, Minimum fax, euro 10.
Angelo Ricci segnala:
Al bistrot dopo mezzanotte, Joseph Roth, Adelphi, euro 19.
Parigi-New York andata e ritorno, Henry Miller, Minimum fax, euro 12.
Luigi Salerno segnala:
Domani nella battaglia pensa a me, di Javier Marías, Einaudi.
Isabella Novelli segnala:
Il paese di Saimir, Valerio Varesi, Ed VerdeNero, 13 euro.
Laura Costantini segnala:
Senza luce di Luigi Bernardi, Perdisa
Il posto di ognuno di Maurizio de Giovanni
Trilogia di New York, di Paul Auster
Maria Giovanna Luini segnala:
Contronatura, di Massimiliano Parente.
2666, di Roberto Bolano.
Paola Marciani segnala:
La porta, Magda Szabo, Einaudi 10,50 €
Ebano, Ryszard Kapuscinski, Feltrinelli 8 €
Enrico Gregori segnala:
Suttree, di Cormac McCarthy
Sunset Limited, di Cormac McCarthy
Mister Vertigo, di Paul Auster
Trilogia della città di K, di Agota Kristof
Il racconto dell’ancella, di Margaret Atwood

il miglior libro del 2009

L’ultima eco della prova generale si spense, e gli attori della Compagnia dell’Alloro si ritrovarono senza altro da fare che starsene lì, silenziosi e smarriti, a guardare oltre le luci della ribalta verso una platea deserta, battendo le palpebre; osavano appena respirare…
Revolutionary Road, di Richard Yates (Minimum Fax, 457 pagine 18 euro) è il libro migliore che ho letto nel 2009.

Io a un libro, come scrittore chiedo che mi insegni qualcosa, come lettore, invece, chiedo che mi soprenda.
Revolutionary road mi ha insegnato e sorpreso.
Ne ho dieci, almeno, ora da leggere, tra libri comprati e libri che ho ricevuto in regalo. Un po’ mi spiace quando son così sovraccarico: perché il piacere di andare in libreria a cercare un bel libro, che magari mi intrippa solo sfogliandolo, è un piacere a cui non voglio rinunciare.
Che poi a gennaio si dovrebbe andare in libreria, o almeno.
Due anni fa ero al Libraccio, Milano, ai Navigli. Erano i primi giorni di dicembre, una domenica,  curiosavo tra i libri usati.
Trovavo niente.
La mia faccia, evidentemente, diceva che non stavo trovando niente.
Trova niente, vero?, mi fa uno, di fianco a me.
Torni a gennaio, dice.
Perché?, chiedo io.
Perché a gennaio ci son quelli che vengono a vendere i libri ricevuti a Natale, si compra bene a gennaio, dia retta a me. Ultime novità, scontate, e in buono stato.
Ah.
Non so mica se è vero.

Comunque. Io non so voi ma io del 2009 ne ho piene le scatole. E poi dicono dei bisestili.

PS. Chi vuole mi indichi (qui, via mail, via face) il libro più bello che ha letto nel 2009. Che poi riporto, qui, titolo e nome dell’autore. Se ci son anche casa editrice e prezzo, però è meglio.
(Mi spiace quasi aver segnalato un libro di una casa editrice che non accetta manoscritti in lettura, però).