La foto che non dimentichi

Era l’autunno del 1991. Forse inverno. Ricordo bene l’anno: il 1991, quello della mia (sofferta) laurea in Lettere, a Torino. Volevo tornare a scrivere articoli, raccontare.

Raccolsi così l’invito di un dirigente del Pci, che avevo conosciuto quando lavoravo in fabbrica. Mi disse: vVieni con me, ti faccio vedere in che condizioni vivono gli ospiti e il personale del manicomio di Vercelli.

Andai, ne scrissi una pagina.

Conservo due ricordi. Il locale dove il barbiere tagliava capelli e faceva barbe. Lui, il barbiere, tossiva. Era attorniato da pazienti che fumavano in continuazione, una sigaretta dietro l’altra. Questi mi ammazzano, diceva.

Poi, il ricordo più toccante. Gli infermieri vollero che conoscessi una paziente, una donna di ottant’anni, forse più. Aveva sempre con sé una bambolina di pezza. Gli infermieri le volevano bene, le sorridevano. Mi dissero: “Chissà perché è finita qua. Ce l’hanno portata che era bambina… una volta succedeva.”

Una vita vissuta dentro il manicomio di Vercelli, con dolcezza però.

La foto che non dimentichi.

Questo articolo è stato pubblicato in Uncategorized da remo . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Informazioni su remo

Scrivo, ma in vita mia ho fatto di tutto: cameriere, operaio, portiere di notte. Sono stato anche disoccupato. Mi mi sono laureato lavorando. Poi ho fatto il giornalista e scrivo anche libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...