L’odio e un vecchio sogno

Nella mia città ci si indigna perché di notte giovani e meno giovani si riversano nelle strade, rumorosi. Alcuni di loro vanno oltre: urlano, pisciano, a volte prendono a calci auto, distruggono fioriere.
Su facebook vedo alcuni madri e padri di famiglia che insultano altre madri e padri di famiglia perché non la pensano come loro.
Figli e genitori.
Urla.
È la stagione dell’odio, questa.
Qualcuno vuole che sia così, credo.

In passato spesso, in questo blog o sulla mia pagina facebook, ho scritto che sognavo di fuggire in un paese senza internet e cellulari. Una radio, il giornale al mattino, l’incontro per qualcuno per strada, o in piazza.
Vorrei di nuovo impadronirmi di quel sogno (così forte, così lontano).

Autore: remo

Scrivo, ma in vita mia ho fatto di tutto: cameriere, operaio, portiere di notte. Sono stato anche disoccupato. Mi mi sono laureato lavorando. Poi ho fatto il giornalista e scrivo anche libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...