eh già

al giornale, ci sono abituato, ricevo tante lettere anonime.
quell’appalto è truccato, quel concorso pure.
oppure: tizio è l’amante di tizia.
oppure, dirette a me: dirigi un giornale che fa schifo.
poi anche: fascista.
e anche: bastardo comunista.

eppoi ricevo lettere.
una (tenterò di riassumerla), arrivata nei giorni scorsi, mi invita a un uso più corretto della lingua italiana, ché evidentemente il mio è contaminato.
nel catenaccio di un titolo ho scritto (titolo di prima pagina, fatto quindi da me medesimo).
… perché i rifiuti già ci sono.
il già è in neretto nella lettera.
è un già contaminato, mi scrive il signore, da un modo di dire e di scrivere del centro italia e del sud italia, poi, fa lo spiritoso e aggiunge, isole comprese.
lui vuole e pretende… perché i rifiuti ci sono già.

Bene, buona domenica, bella giornata, oggi

11 pensieri su “eh già

  1. che bello, ora, con la foto :)

    buona giornata remo.
    e anche a tutti. oggi sole. la neve però rimane sul terreno. e finché è lì… ne chiama altra, dicevano una volta. chissà se è ancora così.

  2. Pensava ai rifiuti contaminati, forse.
    E’ altresì vero che una certa cultura e certa letteratura hanno contaminato certe menti. Isole comprese.
    Una sincera pacca sulla spalla, Remo.

  3. Certo che ce n’è di gente che ha da pettinare le bambole a livello di attività precipua. Si può dire precipuo oppure è contaminato?

  4. Dialogo di qualche tempo fa tra me e la mia dirigente:
    Sandra?
    e io: eh?
    e lei: eh…
    e io: eh?
    e lei: eh…
    e io allora: eh…
    il contesto era un sito che dovevo seguire per il teatro…
    bellissimo!
    il fatto è che non è che ci siamo messe a ridere, abbiamo detto tutto con una sillaba e delle espressioni!
    ciao a tutti, ciao remo! Sandra

  5. Il tuo post mi ha fatto venire in mente una persona che conosco e che ama mettere tutti i puntini sulle i, ma solo quelle degli altri. Troppa ce n’è di gente così, si consiglia loro di esercitarsi un po’ con le traduzioni per imparare a sentire la musica di un testo.
    Ciao, Annarita

  6. Remo, take it easy. Uno che fa ‘sto rebellotto per il già, soffre della sindrome di quelli che smettono di fumare, che rompono las pelotas (spagnolismo) ai fumatori. Io non ho scritto niente per trent’anni, e quando ricominciai, una cara amica mi spiegò che i puntini debbono esere 3 (tre) non 4 (quattro), men che meno 2 (due). Mi attengo con scrupolo a questa storia del 3 (tre) e per giunta sono fastiidito dal pò, dal mò e dal perchè. Perché? Se avessi continuato a scrivere con regolarità dopo il liceo sarei più tollerante. Ho persino un notes in cui scrivo i congiuntivi che scrivo giusti: 8 su 10, Remo!. Col condizionale l’è più dura, sono sul 7+

    grazie Remo e saluti
    Lo scrivente Solimano
    P.S. Ma quel signore, non dovrebbe dire “comprese le isole” anziché “isole comprese”? Eh?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...