Nebbia da Covid

Forse sarebbe il caso (dico forse perché non ho certezze) di approfondire l’approccio svedese. Mi spiego, nessuna apologia (e finiamola con quanto è brava la Svezia oppure, Anche in Svezia va tutto male). Un paio di mesi fa ho sentito un’intervista a un virologo italiano che lavora, appunto, In Svezia. Si chiama Rosario Leopardi. Ha detto che il Covid resterà tra noi. Ce lo ritroveremo negli anni che verranno in forma più tenue oppure in forma più aggressiva. Chiaro che se la filosofia fosse questa, invece di puntare sui lockdown si dovrebbe lavorare di più su come contenere il virus e al tempo stesso conviverci. Credo che sarebbe importante imparare da tutti: tutti gli errori e tutte le cose che invece vanno bene. La Cina, per esempio. Mi risulta che ci sia un protocollo di cure immedìate, e che i vaccini siano di diversa impostazione. Ma ho detto un po’ a caso. La sintesi dovrebbe essere: imparare a livello globale.
Pensate, ipotizzate un programma televisivo in mondovisione, dove si confrontano gli scienziati dei diversi paesi. Con esperienze a confronto, dati alla mano. Ma è un sogno. Eppure.

E invece ci si scontra, e basta. Sui social soprattutto. La Cina è, la Svezia è, il tal vaccino è. Tante certezze in mezzo alla nebbia. Più c’è nebbia e più si urlano certezze: invece è paura.

Autore: remo

Scrivo, ma in vita mia ho fatto di tutto: cameriere, operaio, portiere di notte. Sono stato anche disoccupato. Mi mi sono laureato lavorando. Poi ho fatto il giornalista e scrivo anche libri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...